#trentinoaltoadige

Profumo di legni, profumo di aria pulita, profumi gourmet, profumo di ritmo rallentato, profumo di sorrisi, profumo di accoglienza: è la magia del Trentino Alto Adige.

Quando scendo dall’auto, con ancora l’aria di Reggio Emilia nei polmoni, faccio un respiro profondo e subito mi sento catapultata in un altro mondo.

La zona che sono solita frequentare è quella di Moena. Una perla della Val di Fassa. Piste da sci fantastiche con un comprensorio infinito, paesini vivi dai colori mozzafiato, malghe e rifugi gourmet, terme e centri benessere da mille e una notte.

Un connubio fantastico tra glamour, relax e vacanza attiva: sci, snowboard, ciaspole, camminate, mountainbike e tanto altro. Il centro di Moena ospita un fiume che lo percorre nella sua lunghezza, regalando a chi è in passeggiata un rumore sordo di acqua pura scrosciante. Nel fiume Avisio si specchiano i caseggiati curati e i loro balconi in legno che, d’estate, straripano di meravigliosi fiori colorati.

 

Per un ottimo caffè o un aperitivo consiglio di fare tappa al Faloria, un Hotel/Bistrò in pieno centro. All’esterno verrete coccolati con panno e caminetti adagiati sui tavoli, per gustarvi a pieno il vostro momento di relax. All’interno il locale è molto curato e colmo di oggetti di design che, volendo, si possono acquistare. Location molto pulita, personale gentilissimo e gli amici pelosi sono i benvenuti! Una sera, durante l’aperitivo, siamo stati deliziati da musica dal vivo con sonorità tipiche della valle…molto d’effetto e molto piacevole!

Per un po’ di shopping consiglio Livio Sport, anche solo per rifarsi decisamente gli occhi! La vetrina mostra quanto di più glamour e all’avanguardia ci sia in fatto di sport e tempo libero. Marchi prestigiosi mixati a oggetti e capi di designer del posto di sicuro effetto!

Per una cena con panorama mozzafiato io scelgo sempre Malga Roncac. Location abbarbicata sopra a Moena, circondata dal bosco e affacciata sul paese. La Signora Rosy e il suo staff vi accoglieranno con un sorriso, ottimo cibo, ottimo vino e cura per ogni dettaglio. Guardate (qui) per capire di cosa sto parlando! Anche in questo posto gli amici pelosi sono i benvenuti e vengono accolti con una bella ciotola di acqua fresca e una carezza.

 

Per una giornata di sci abbinata a sole e relax suggerisco il comprensorio del Latemar/Obereggen/Predazzo. Una comoda ovovia vi accompagnerà al rifugio Gardonè che, con la sua voliera, accoglie sciatori e non dalla colazione all’aperitivo al tramonto. Scarponi da sci ai piedi e bisogno della toilette? Uno comodo scivolo vi farà arrivare a destinazione in modo insolito e divertente! All’esterno troverete lettini solari dotati di ogni comfort e ottime ostriche e Champagne per chi, come me, ama viziarsi un po’! I più piccoli verranno rapiti da #montagnanimata e da tutti i servizi a loro dedicati.

Le meravigliose piste da sci conducono fino a un rifugio di design che merita per vista e location: Oberholz. Glamour di sicuro effetto! Guardate (qui)!

Dopo una giornata di sport avete voglia di dedicarvi al completo relax immersi nella vallata di Pozza di Fassa? Non potete non trascorrere qualche ora all’interno di QC TERME DOLOMITI di Pozza di Fassa (il sito per prenotare: qui). Indescrivibilmente affascinante! Al tramonto potrete concedervi un delizioso aperitivo, in una incantevole sala, da gustare in accappatoio.

Se vi venisse voglia di acquistare un capo tipico della tradizione, allora dovrete recarvi al negozio Trachtenhit Pozza di Fassa! Io mi sono innamorata del dirndl: l’abito che ho nella foto. Una curiosità? Attenzione alla simbologia del fiocco che lega il grembiule: stando a quanto si dice, se il fiocco è a destra significa che la donna è sposata o fidanzata, se il fiocco è a sinistra significa che è libera e dunque avvicinabile. Il fiocco legato al centro simboleggia che la ragazza è vergine, se invece è dietro la schiena, che è vedova. Quindi, signori uomini, prestate attenzione a questi dettagli per sapere se potrete avvicinarvi a una bella ragazza trentina che indossa l’abito riservato alle festività! Che belle le tradizioni!!!

Quest’anno, qui in Trentino, una catastrofe naturale ha deturpato il paesaggio e recato danni ingenti.

Chilometri quadrati di bosco, a macchia di leopardo, mostrano i segni di una giornata tristemente epica. Una bufera paurosa ha sradicato alberi, anche secolari, che ora giacciono a terra. Ci sarà tanto lavoro da fare, anche se in brevissimo tempo piste, attività e rifugi si sono organizzati per assicurare, ai tanti turisti, una meravigliosa stagione invernale. Io ammiro ancora di più questa popolazione che, nonostante tutto, ha il sorriso stampato sul viso. Anche questo atteggiamento è ad alto tasso di glamour!